martedì 17 ottobre 2017





Castagna o marrone.     Castanea sativa,Cupulifere

La composizione del frutto è vicina al frumento.
Era già raccomandata da Galeno. 

 Sotto sono elencati i principali costituenti di 100 g di castagna.
 In 1 g di ceneri la metà è di potassio,ferro,zinco,rame,manganese e anche fosforo ,magnesio,zolfo,sodio,calcio.
 Vitamina B1 e B2 ,C (50 mg/ 100g quanto nel limone)
 Frutto di grande valore calorico : per  100 g 200 calorie.

 Proprietà:
 - molto nutriente
 - energetico
 - rimineralizzante
 - tonico muscolare,nervino e venoso
 - antianemico
 - stomachico
 - antisettico

COSTITUENTI PRINCIPALI DELLA CASTAGNA   per 100 gr.

 Acqua   52,64 g
Protidi   4,10 g
 Lipidi     2,59 g
 Glucidi (amido) 39,6 g
 Ceneri   1,03 g
 Fosforo  85 mg
 Calcio    40 mg
 Ferro     1 mg
 Vit.C     50 mg
 Vit.B1   0,30 mg
 Vit B2   0,03 mg
 Vit. PP tracce

Indicazioni
 La castagna,frutto autunnale per eccellenza,deve essere consumata matura e ben cotta.Se ne può fare un piatto forte.
 È raccomandata nelle astenie fisiche e intellettuali,agli anemici,a bambini,anziani, convalescenti,a coloro che vanno soggetti a varici ed emorroidi.
 È un alimento economico e possiamo anche fare una bella passeggiata nei boschi di castagni abbandonati e raccoglierlo ,godendo anche della belĺezza della natura.
 È consigliabile a che svolge lavori pesanti e agli sportivi.
 In purè ,è eccellente per i dispeptici,convalesenti e anziani.
 Indicata in menopausa.
 È controindicata per i diabetici.

Una volta la buccia era usata come antidiarroco,grazie alla sua ricchezza di tannino ed è ancora usata per la coltivazione dei mirtilli.

seguiranno ricette con le castagne.....

martedì 7 marzo 2017





Firma l'Iniziativa dei Cittadini Europei per dire Stop al Glifosato. L’iniziativa dei cittadini europei (ICE) è uno strumento per chiedere alla Commissione Europea di proporre o cambiare delle leggi in Europa. Se verranno raccolte un milione di firme in almeno 7 stati membri, la Commissione sarà obbligata a considerare la richiesta
Insieme a numerosi movimenti e organizzazioni da tutta Europa, Navdanya sostiene l'Iniziativa dei Cittadini Europei per dire Stop al Glofosato.

 https://www.navdanyainternational.it/it/campagne-navdanya-international/358-iniziativa-dei-cittadini-europei-per-dire-stop-al-glifosato

venerdì 6 gennaio 2017

Libertà.......


“La libertà è il bene più grande che i cieli abbiano donato agli uomini”
(Miguel de Cervantes)











ARTICOLO UNICO
OGNI STATO DOVREBBE ESSERE UNA REPUBBLICA FONDATA SULLA LIBERTA’ E IL RISPETTO DELLA DIGNITA’ UMANA DI TUTTI I SUOI CITTADINI E AFFINCHE’ CIO’ POSSA DAVVERO ACCADERE STATI E GOVERNI DEVONO PROVVEDERE A PROCURARE GRATUITAMENTE CASA E CIBO A OGNI CITTADINO.
La Costituzione è la legge fondamentale di ogni vera Repubblica e può essere scritta o modificata solo dagli esperti di tutte le forze politiche eletti dal popolo e riuniti in Assemblea Costituente.
Attualmente gli Stati a volte hanno una costituzione quasi perfetta, a volte espressa in termini vaghi e generici, talmente generici che consentono di prendere qualsiasi decisione anche quelle più disumane e soffocanti come le guerre.
Gli Stati come ad esempio l’Italia, che hanno una Costituzione quasi perfetta in pratica non la adottano mai, preferiscono discuterla e magari modificarla ma non la applicano nella pratica per non disubbidire a quei poteri che impongono agli Stati e ai Governi di essere ciò che sono da sempre: ovvero solo una gigantesca macchina di controllo e di sottomissione di tutta l’Umanità.
Gli Stati che hanno una costituzione vaga e generica come ad esempio la Turchia, si inventano ogni giorno a seconda delle necessità articoli nuovi e al servizio esclusivo del Potere regnante. Così se il Governo (SI FA PER DIRE) in Turchia decide di arrestare e incarcerare Trecentomila tra giudici, giornalisti e avvocati si inventa l’articolo “In caso di sventato Golpe il Governo dello Stato ha il compito di individuare i responsabili e neutralizzarli”.
In Italia recentemente si è tentato qualcosa del genere, una sorta di “via democratica alla dittatura”, ma il nostro amato Paese ha subito per vent’anni il peso della prevaricazione e della ferocia di Stato, lo Stato Fascista.
Ecco il bilancio mai ufficializzato del ventennio fascista: 6 milioni di analfabeti, 80 milioni di morti nella guerra dichiarata fieramente al Mondo da Italia, Germania e Giappone con distruzione di gran parte del proprio territorio urbano.
Quindi il popolo italiano avverte subito quando un regalo dello Stato è in odore di “via democratica alla dittatura” e col referendum ha risposto “No grazie”.
Che cos’è il potere oggi e quali sono le sue armi?
Il potere attraverso la complicità di chi gestisce gli Stati e i Governi scrive quotidianamente le proprie sceneggiature e le proprie sceneggiate. Io credo non sia giusto parlare del potere più di quanto sia corretto e giusto parlare delle fognature.
La fogna è una realtà importante, ma è importante che scorra al suo livello e non tracimi, altrimenti porterà odore puzzolente, malattia e morte. Anche il potere è meglio che scorra nel solco della vanità e della truffa. Cosa c’è di più feroce di andare davanti a uomini, sparare, uccidere e poi dire “Abbiamo Vinto!!!”. Tutto quello che il potere fa è completamente relativo alla gestione del potere e almeno apparentemente non ha alcun senso.
Il potere è come un cancro e il mondo sta andando avanti nonostante questo cancro.
Il potere è una forza che non è mai energia benefica, come un masso che cade giù dalla rupe e può solo ferire, può solo travolgere e fare danni. Invece la potenza è quella che rende prezioso ogni essere Umano.
La potenza di sfidare il mondo: ce l’aveva quel ragazzo a Tien an men che si è messo davanti ai carri armati dei cinesi per fermarli. Il potere è il carro armato che uccide i ragazzi di 17 anni. Potenza è la Natura. Qualsiasi forma di potere conduce al crimine. La cura per guarire la società dal cancro del potere è la Creatività e la massima forma di creatività è affidata alla Donna che contiene in sé il grande mistero di “creare e perpetuare la vita”.

Buon anno.
Silvano

giovedì 10 novembre 2016

MEDITERRANEO A RISCHIO DI ESPLOSIONE!

                       Questa è l'unica terra che ci rimane!!! Non c'è ritorno.





di Gianni Lannes


In una frase: estinzione di un territorio decretata a tavolino da un governo di ineletti, eversori dell'ordine costituzionale. Addio all’identità mediterranea nelle diverse declinazioni italiane: un altro angolo rischia di andarsene per sempre, a causa della miopia politica e dell'ingordigia dilagante. Adesso, l’unico suono là fuori è il tintinnio di alcune schegge di calcare modellate dal vento che ne colpiscono altre semisepolte dalla terra rossa. Il sole è sorto da una manciata di ore, ma il calore già pulsa nell’aria, mentre lo sconfinato cielo azzurro abbaglia il mio sguardo prima dell’immersione. All’altezza degli occhi una striscia di mare di un blu compatto, eppure in lento movimento, cinge metà dell’orizzonte. Lì, sott’acqua si materializza l’arte della natura, che ha plasmato la materia grezza e amorfa modellandola in forme geometriche, come geometrica è la membrana che racchiude il protoplasma vivente, come geometriche sono le formazioni cristalline o i segni matematici dell’infinito. Lì, a una manciata di metri sul fondale, in quel meraviglioso capolavoro sottomarino, è racchiusa la legge della simmetria, dell’ordine che non può regnare in un mondo disumano senza vita, senz’anima, senza spirito, senza etica. Lì, in fondo, giacciono sublimi pagine di storia dimenticate; ma invece di recuperarle per beneficiarne le persone e le generazioni future, saranno distrutte per mero tornaconto economico, mentre i funzionari addetti al controllo e i politicanti telecomandati dall'estero con norme incostituzionali varate su misura degli affari, approvano a tutto spiano. E' mafia istituzionale o cos'altro? 


Come mai lo stesso progetto del 1997, autorizzato nel 1999 dal ministero dell'industria sotto Bersani durante il governo D'Alema, ma poi bocciato dai ministeri dell'Ambiente e dei Beni culturali, nonché dalla Regione Puglia nel 2000 e nel 2005, nel 2015 è stato valutato posivamente dai ministri Galletti e Franceschini? E per quale ragione il governatore Emiliano non ha revocato la delibera 1361 del 5 giugno 2015, a firma del predecessore Vendola? Misteri del piddì a stelle e strisce?


Tra due mondi, dove Oriente e Occidente si fondono nel Mediterraneo, proprio dove riposano alcune radici italiche, esattamente dove si condensano le epoche umane, dalla preistoria alle impronte federiciane fino a noi, ora lo Stato tricolore e quello del Kuwait a cui l’Italia vende armi in cambio di petrodollari, tramite l’Energas dei Menale, vuole a tutti i costi impiantare un gigantesco deposito di gas a petrolio liquefatto, insomma, una bomba ad orologeria da 60.200 metri cubi, con annessa movimentazione di navi gasiere in un porto insicuro, pericolante ed imbottito di amianto, già solcato da numerosi pescherecci e barche da diporto, nonché ferrocisterne ed autobotti di gpl che lambiranno la base dei cacciabombardieri nucleari F-35 per stazionare nella città di Foggia e transitare nella Capitanata. Inoltre, un deposito simile esiste già a Brindisi. Allora, perché distruggere una bellezza primordiale?
Un torbido affare a rischio di incidente rilevante (in palese violazione della terza direttiva Seveso e della Convenzione di Aarhus, ratificata dalle legge 108/2001), in un territorio ad elevato pericolo sismico (zona 2) nonché idrogeologico, che di strategico vanta esclusivamente la criminale speculazione: 10 chilometri di gasdotto, di cui 5 in mare per spianare le praterie di Posidonia, ed altri 5 sulle terraferma a violentare la terra, mettere a rischio gli esseri viventi, distruggere il paesaggio, disintegrare l’archeologia, imbavagliare la storia e annichilire la geografia. Il progresso energetico punta sulle fonti rinnovabili non su quelle fossili in via di esaurimento. Peraltro, alla Daunia, lo Stato e le multinazionali Edison ed Eni hano rubato miliardi di metri cubi di gas, e continuano a rapinarlo. Infatti, sono attive più di una dozzina di autorizzazioni della Regione Puglia, gran parte delle quali rilasciate dal sedicente ecologista Nichi Vendola, e mai annullate almeno in autotutela dal successore Michele Emiliano. Inoltre, nella Daunia sono operative due centrali turbogas abusive e l'inceneritore fuorilegge di rifiuti targato Marcegaglia (ETA S.p.A.), finanziato con denaro pubblico, autorizzato dallo stesso Vendola.

Nel 1223 un terremoto rase al suolo Siponto. E così Manfredi, figlio prediletto di Federico II di Svevia, fece edificare l'attuale Manfredonia.

Per dirla con lo stupor mundi: "Se il signore avesse conosciuto questa Piana di Foggia, luce dei miei occhi, si sarebbe fermato a vivere qui".  

Una crescita economica infinita del pil non può realizzarsi su un pianeta finito. Se si sfrutta troppo il territorio, si contamina l'acqua, si manomette il clima, di fatto si rapinano le prossime generazioni del diritto all'esistenza. Il progresso di un belpaese si misura dal rispetto di tutti gli esseri viventi e dalla salvaguardia reale dell'ambiente. Dall'educazione dei bambini e dalla giustizia sociale dipende la qualità del futuro.
Qualunque governo nazionale, regionale e comunale non ha alcun diritto di autorizzare la distruzione della Daunia, per garantire una mera speculazione. E' l'ora di combattere concretamente nell'agora, con le risorse pacifiche, nonviolente e intelligenti per arrestare definitivamente e per sempre questa follia distruttiva. Su la testa!


riferimenti:

Gianni Lannes, La montagna profanata, Edizioni del Rosone, Foggia, 2015.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/11/la-montagna-del-sole.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/11/in-puglia-i-primi-cacciabombardieri.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=DAUNIA
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
 
Solo dopo che l’ultimo albero sarà abbattuto, solo dopo che l’ultimo lago sarà inquinato, solo dopo che l’ultimo pesce sarà pescato, Voi vi accorgerete che il denaro non può essere mangiato.
(Toro Seduto, capo della tribù dei Sioux)
 
 

GARGANO: CAPODOGLI TRUCIDATI PER LA RICERCA DEL PETROLIO

 Non ci sono parole solo grande tristezza infinita.........
 

Gli animali non possono parlare, ma come possiamo io e te non parlare per loro e astenerci dal rappresentarli? Ascoltiamo, noi tutti, il loro silenzioso pianto di agonia e aiutiamo quel pianto a essere ascoltato nel mondo.
Rukmini Devi Arundale


La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini.
- Publio Ovidio Nasone ( 43 a .c.-17/18 d.c.) - poeta latino 



Perché dovremmo considerare di minor valore la sofferenza inflitta ad altre creature, per il semplice fatto che queste appartengono ad una specie diversa dalla nostra?
- Prof. Dr. Jean-Claude Wolf 



tratto da:
 http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search/label/stupro%20ambientale